Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.



Articoli

Un giorno al museo

miniGiorno 2 Dicembre gli alunni delle classi 5° e 4° sez. A, settore tecnico economico - commerciale dell’ IIS “L. da Vinci”, accompagnati dalle prof.sse  Maria Concetta  Marotta e Carolina Capizzi,  ci siamo recati  a Catania per visitare il Museo dello sbarco e il Museo del cinema, presso il complesso ristrutturato delle Ciminiere.

Il Museo dello sbarco è molto suggestivo e realistico: tutto è stato ricostruito secondo le caratteristiche del tempo, gli anni ’30 e ’40. Riproduce nei minimi particolari e in dettaglio tutto il percorso fatto dagli Alleati nella nostra isola con l’operazione Hasky  per liberare la Sicilia e l’Italia dall’occupazione tedesca.musei

Molto interessante è stato osservare le divise, le armi e gli oggetti personali dei soldati britannici, inglesi, tedeschi, americani e italiani. Vi sono anche dei volantini di propaganda  e le statue di cera, talmente realistiche da sembrare vere, dei protagonisti di questi anni: Mussolini, Hitler, Roosevelt, Churchill, Vittorio Emanuele III.

Filmati, foto, riproduzioni di vari ambienti, come il piccolo quartiere distrutto dai bombardamenti, la simulazione di un attacco in un rifugio antiaereo, le testimonianze scritte di uomini e donne coinvolti nel secondo conflitto mondiale, ci hanno messo a contatto con la storia del nostro recente passato facendoci riflettere su quante persone hanno perso la vita in questa guerra devastante.

P1500106Non a caso il percorso si conclude con l’immagine del cimitero inglese che si trova alle porte di Catania e la lettura di tutti i nomi dei caduti. Di fronte, la frase di papa Giovanni  XXIII “La pace è il bene supremo. Dimenticarlo è una vera follia”.

Interessante è stata anche la visita  del Museo del cinema che ci ha condotto alla scoperta della nascita della cinematografia, dal cinema muto all’interpretazione singola, al cast di attori. La guida ci ha accolti facendoci vedere la collezione di proiettori, dal più grande al più piccolo, da quelli usati in passato  a quelli dei nostri giorni. Una installazione animata, con una macchina da cucire e una bici capovolta, indica lo scorrere della pellicola cinematografica e attraverso una serie di movimenti fa muovere un omino che proietta la sua ombra su una superficie rotonda e bianca, a ricordare le ombre cinesi.

P1500057

  Abbiamo poi assistito alle diverse  fasi di evoluzione del cinema:  le prime immagini in movimento  riprodotte all’interno di una “scatola magica” , il cinema muto, gli ologrammi, l’introduzione del sonoro con la voce dei protagonisti, e i film a colori, con le scene ancora in bianco e nero e poi colorate, sino all’uso dei computer.

All’interno di una sala che riproduce il primo cinema di Catania, seduti sulle poltrone originali, abbiamo assistito alla proiezione di un filmato fatto con il montaggio di alcune delle più celebri scene tratte da film famosi.

La Casa del Cinema riproduce fedelmente ambienti (cortile, cucina, studio, bagno, camera da letto) con gli arredi che inglobano monitor su cui si avvicendano scene di film.   

La giornata si è conclusa con la visita al centro di Catania, passeggiando per via Etnea, e un po’ di shopping al centro commerciale.

Questa giornata è piaciuta tantissimo perché abbiamo visitato luoghi nuovi, approfondito la conoscenza di ciò che è accaduto pochi decenni fa rivivendo pezzi di storia e abbiamo trascorso un momento di divertimento e di cultura con i compagni di classe.

Con questa esperienza abbiamo cambiato la nostra idea di “visita al museo”, perché è stata interessante, coinvolgente e istruttiva.

Marisa, Valentina, Chiara  e company