Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.



Corsi di autodifesa

difesa1Il nostro istituto ha avviato dei corsi di autodifesa rivolti agli studenti, tenuti dal prof. Francesco Strazzanti, insegnante di Educazione Fisica – Maestro (3° liv. Europeo) Cintura Nera 5° di Karate ed MGA della FIJLKAM.

Il Metodo Globale di autodifesa della FIJLKAM è un programma tecnico multidisciplinare ideato per fornire ai suoi praticanti un valido sistema di difesa e che si basa sui principi di flessibilità e di cedevolezza su cui si fondano tutte le arti marziali.difesa2

Rappresenta una equilibrata sintesi delle tecniche più efficaci derivate dalle discipline di combattimento volte alla difesa, trasformando a proprio vantaggio le energie impiegate dall’aggressore.

La particolarità di questo Metodo consiste nel fatto che esso non si basa sulle prerogative fisiche dei praticanti, bensì sulla capacità degli stessi di trasformare a proprio vantaggio le energie utilizzate da chi intende offendere. MGA è un sistema di difesa dove l’esigenza giuridica viene tutelata nella misura in cui, il praticante, conoscendo le tecniche sulle quali è basato il Metodo ed applicandole nella maniera dovuta, agisce nella piena legalità giacché le stesse, oltre che rientrare tra le “cause oggettive di giustificazione del reato”, definite anche scriminanti, nella generalità dei casi non lasciano tracce o segni di forza per il fatto che tutto il Metodo è costruito esclusivamente sulla difesa e sulla capacità di controllare l’aggressore.

difesa3MGA è una forma di Difesa Personale finalizzata alla possibilità di limitare i danni in caso di aggressione e per i più capaci riuscire ad evitarla per esercitare successivamente una forma di controllo sull’aggressore stesso.

Dalla sua costruzione si rileva che è stato eliminato tutto ciò che presume l’applicazione violenta della forza fisica, esaltando invece l’applicazione dei principi della flessibilità e della cedevolezza, che meglio si prestano al principio della “proporzionalità” tra difesa ed offesa.