Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.



Presentazione del libro "Camicette bianche"

camicetteVenerdì 18 marzo l’Associazione Donneinsieme “Sandra Crescimanno” nell'auditorium della scuola ha presentato il libro “Camicette bianche” alla presenza dell'autrice Ester Rizzo*.

Nel corso della presentazione il "Circolo dei Lettori" dell'I.I.S. "L. da Vinci" ha curato alcuni momenti di intrattenimento musicale e teatrale.

*Ester Rizzo, nata a Licata nel ’63, si è sempre occupata di tematiche relative al mondo femminile: è referente per la provincia di Agrigento del “Gruppo toponomastica Femminile” e responsabile della Commissione Donne, Pari Opportunità e Politiche Sociali del distretto FIDAPA.
Collabora con testate giornalistiche nazionali e regionali; tiene il corso di “Letterartura al femminile” al CUSCA, Centro Universitario socio culturale adulti di Licata (ex Uni3).
"Camicette bianche. Oltre l’8 marzo" è il suo primo libro, per il quale è stata premiata all’interno della Rassegna letteraria internazionale “Ghinnawa-Poetiche velate” del premio “A sud di Tunisi”, e ha vinto il premio “Arte e cultura siciliana Ignazio Buttitta ”.

Primo libro italiano sulla tragedia della Triangle Waist Company di New York, fabbrica in cui mancavano le norme minime di sicurezza sul lavoro, in cui persero la vita 146 persone, tra cui 126 giovani lavoratrici. Con uno stile a metà tra saggio e narrazione e una cifra emozionale, Ester Rizzo ridona dignità a quelle morti, dando a ciascuna vittima un nome, un cognome e un storia da raccontare. Un lavoro di recupero della memoria - che l’autrice ha portato avanti attraverso ricerche negli archivi e interviste ai discendenti delle vittime - per far conoscere un’immane tragedia che viene legata a doppio filo con la giornata delle donne, l’8 marzo, ma di cui si conserva un ricordo indistinto. Un testo che ci pone davanti allo scottante quanto mai attuale problema della sicurezza sul posto di lavoro e dei diritti dei lavoratori, nonché ci porta a riflettere sulla migrazione di ieri e di oggi.

camicette01 


camicette03