Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.



II Giornata Mondiale per la Cura del Creato

creatoAscolta il grido della Terra e degli uomini” (Papa Francesco)

Questo il titolo del lavoro realizzato dagli alunni della II A “Amministrazione, Finanza e Marketing” dell’I.I.S. “Leonardo da Vinci “ di Piazza Armerina, diretto dalla Preside Prof.ssa Marinella Adamo, per partecipare alla mostra organizzata dalla Diocesi di Piazza Armerina in occasione della II Giornata Mondiale per la Cura del Creato, che si è tenuta il 4 ottobre nella Chiesa di Sant’Ignazio.

creato02

L’evento, curato da Monsignor Antonino Scarcione, ha avuto per tema “Lo scempio arrecato alla natura, il degrado ambientale, nonché le conseguenze derivanti al patrimonio storico-artistico o i danni procurati alla terra, all’acqua, all’aria, al paesaggio e al bosco”.

Gli allievi, sollecitati alla partecipazione dalla prof.ssa Daniela Belfiore, hanno scelto questa frase di Papa Francesco dopo aver letto, guidati dalle docenti Ventorino e Mirabella alcuni brani dell’enciclica “Laudato si’” pubblicata il 24 maggio 2015. Nell’enciclica il Papa evidenzia i mali di cui soffre la terra, le cause profonde della crisi ecologica, ambientale, culturale, politica, sociale, religiosa e umana del nostro tempo. Papa Francesco, tra le altre cose, nell’enciclica invita poi a vivere “nuovi atteggiamenti e stili di vita”, a ritrovare ”l’alleanza tra l’umanità e l’ambiente”, ad imparare ad essere responsabili abitatori della Terra, capaci di praticare una “cittadinanza ecologica e integrata”, di assumere comportamenti sobri e solidali, capaci di intendere il gemito che viene dalle creature più povere e fragili esposte alle negatività della società.

Nel loro lavoro gli allievi hanno messo in evidenza l’inquinamento dell’aria, delle acque, della terra dovuto agli scarichi industriali, alle emissioni nocive, ai rifiuti. Inoltre hanno puntualizzato, con immagini adeguate, il grido proveniente dagli immigrati che continuamente sbarcano a Lampedusa rischiando quotidianamente la morte. La frase finale propositiva per il futuro è stata: Noi, creature del mondo, rispettiamo il Creato.creato01

La manifestazione, che ha visto la partecipazione di numerosi rappresentanti del mondo scolastico, delle istituzioni, delle associazioni presenti nel territorio, si è conclusa con il lancio di palloncini con messaggi sulla cura del Creato e con l’offerta a San Francesco di una lampada votiva con olio.

Gli alunni della II A hanno ricevuto con gioia una targa e alcune medaglie ricordo.

                                                                                                                                              Gli alunni della II A A.F.M.